Come Coltivare il Nasturzio

I nasturzi sono piante molto semplici da coltivare, di poche esigenze e facili da mantenere. Sono delicatamente profumati ed oltre ad abbellire il tuo balcone, daranno sapore alle tue insalate. Sia i fiori che le foglie sono commestibili. I semi si conservano come i capperi.

L’ideale per seminarli è inizio febbraio marzo ma in vaso va bene anche aprile – maggio, quando sono finite le gelate. Il terreno da utilizzare per seminarli deve essere sabbioso e drenato. Da non mettere direttamente al sole, ma in un posto luminoso e arieggiato, magari sotto l’ombra gettata di un albero con una chioma non troppo fitta.

Per seminarli basta infilare i semi nel terreno anche con le dita, basta spingerli nel terreno con il dito pollice. Nei vasi bastano uno o due semi. I colori di questi fiori variano dal rosso scuro vellutato al rosa geranio, dall’arancio albicocca al rosso mattone, dal giallo crema al quasi bianco. Devi innaffiarli poco, ma spesso, il terreno dovrebbe essere sempre umido, anche se possono sopportare un breve periodo di siccità.

La concimazione deve essere liquida possibilmente di solo fosforo e potassio. In autunno perdono i fiori, ma se li metti al riparo, lontano dalle intemperie e dal gelo, in primavera rifioriscono. Sono piante molto resistenti. Attenzione agli afidi, durante la fioritura utilizza concime per piante fiorite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *