Come Rassodare i Glutei

Quanto tempo occorre per rassodare i glutei? E quali sono gli esercizi da fare in casa più efficaci? Ecco alcune indicazioni utili per voi! Innanzitutto, voglio parlarvi del fattore “tempo”. Quanto tempo bisognerà impegnarsi per avere glutei tonici e un lato B davvero perfetto? Tutto dipende da quanto vi impegnerete nel vostro percorso. Se oltre a rassodare i glutei, dovrete anche perdere qualche chilo di troppo, sarà necessario seguire una dieta bilanciata e dimagrante. Detto questo, come sempre grande importanza nel nostro percorso rivestirà la costanza, senza la quale avremo perso in partenza.

Allenatevi almeno tre volte a settimana eseguendo non solo gli esercizi mirati, ma anche della corsa (mezz’ora ogni giorno sarebbe l’ideale), e cambiando le vostre abitudini. Al posto delle scale mobili, quando è possibile, scegliete le scale normali. Invece di recarvi al lavoro in auto, scegliete di farlo a piedi, e noterete presto dei miglioramenti. Seguendo questi semplici consigli, nell’arco di pochi mesi il vostro “sedere” sarà finalmente tonico e davvero splendido.

Detto questo, quali saranno gli esercizi più indicati per rassodare i glutei? Senza dubbio, dovrete eseguire tre sessioni di squat da 20 ciascuna, seguita da degli affondi frontali e laterali (davvero utilissimi per rassodare gambe e lato B), e dell’ottimo Step, con o senza manubri.

Per rassodare il fondoschiena, sarà molto utile anche il “ponte”, ovvero il sollevamento del bacino. Coricatevi per terra in posizione supina, con le mani lungo i fianchi, le gambe piegate e leggermente divaricate e la pianta dei piedi poggiata a terra. A questo punto sollevate il bacino contraendo gli addominali verso il basso. Rimanete in posizione e tornate quindi a quella di partenza. Ripetete l’esercizio 15 volte per tre serie.

Come Coltivare il Ficus Ginseng

Il ficus ginseng è una pianta molto facile da coltivare: si tratta di una pianta d’appartamento abbastanza diffusa, insieme alla altre specie di ficus.

Per cominciare a coltivare la pianta del ficus ginseng devi avere una pianta di questa specie sotto mano, oppure comprarla. Si tratta di una specie di ficus bonsai, che quindi necessita di cure particolari, ma non complicate: sappi che non vuole temperature più basse dei 10 gradi, ma le va bene il caldo.

Il luogo che più il ficus ginseng ama è alla penombra, perchè se sta al sole diretto cresce troppo. Bagna questa pianta spesso, facendo in modo che il terreno sia sempre umido ma non inzuppato d’acqua; per favorire l’umidità, metti nel sottovaso dell’argilla espansa, che dovrà essere sempre bagnata.

Durante la bella stagione, puoi aggiungere del concime per piante bonsai all’acqua delle innaffiature, una volta la mese all’incirca. cambia il vaso regolarmente in primavera, tagliando le radici di una buona parte.

Esercizi per i Fianchi da Fare in Casa

Torniamo a parlare di allenamento in spiaggia, e questa volta parliamo degli esercizi per rassodare fianchi, pancia e glutei, esercizi utilissimi, che potreste eseguire anche in casa, ma che diventeranno senza dubbio più divertenti e rigeneranti se eseguiti sulla sabbia! Ebbene si, perché come vi abbiamo spiegato più volte, allenarsi in spiaggia rappresenta senza dubbio un esercizio davvero utilissimo per chi vuole tonificare al meglio il proprio corpo.

In spiaggia, anche solo una semplice passeggiata di mezz’ora può diventare un allenamento davvero ottimo per il vostro corpo e per il vostro benessere. Detto questo, scopriamo dunque quali sono alcuni dei più efficaci esercizi da eseguire durante le vostre giornate al mare. Cominciamo!

Per allenare i glutei, mettetevi in posizione sdraiata sulla schiena e piegate le ginocchia poggiando le piante dei piedi a terra. A questo punto, tenete le braccia lungo i fianchi, e sollevate contemporaneamente la gamba destra e il braccio verso l’alto. Rimanete in questa posizione per un paio di secondi e tornate alla posizione di partenza senza poggiare del tutto la gamba a terra. Ripetete l’esercizio con l’altra gamba. Eseguitelo 15 volte per tre serie.

Il secondo esercizio servirà per tonificare i fianchi, ed andrà eseguito partendo sempre da una posizione coricata, ginocchia piegate e piante dei piedi che poggiano a terra. Sollevate la gamba destra e fatela ruotare lentamente in senso orario. Ripetete il movimento 5 volte e cambiate direzione, facendola ruotare in senso antiorario; poi passate all’altra gamba. Eseguite l’esercizio 10 volte.

Volete rassodare i glutei in spiaggia? Per farlo, non dovrete far altro che eseguire due degli esercizi più utili ed apprezzati, ovvero gli affondi e gli squat, che sulla sabbia diventeranno ancora più efficaci! Infine, ecco un altro esercizio utile per voi. Mettetevi in posizione eretta con le gambe leggermente divaricate. Con un salto richiudetele velocemente e quindi riapritele. Eseguite il movimento una cinquantina di volte.

Attrezzi Utili per Fare Esercizi in Casa

Fare sport in casa è sicuramente una scelta comoda, anche se spesso accade che chi sceglie di percorrere questa strada, finisce per abbandonare l’attività sportiva. Per non correre questo rischio, c’è bisogno di molta costanza e motivazione. Detto questo, per fare sport in casa servono naturalmente degli attrezzi specifici, attrezzi che vi aiuteranno a bruciare le calorie in eccesso, ma anche a tonificare le varie parti del corpo.

Uno dei primi acquisti che fa chi vuole fare sport in casa, è generalmente la cyclette, un attrezzo indubbiamente molto utile per raggiungere la forma fisica. Se non si dispone di molto spazio, sono disponibili modelli specifici, relativamente a cui è possibile vedere questa guida sulla cyclette pieghevole. Segue poi l’acquisto di un tapis roulant, acquisto a mio avviso talvolta evitabile, se avete la possibilità di andare a correre all’aria aperta. Qualora però non aveste questa possibilità, il tappeto è senza dubbio un attrezzo molto utile.

Per bruciare le calorie però non servono solo macchinari costosi: anche una semplice corda per saltare sarà infatti davvero utilissima. Fra gli attrezzi per la palestra “casalinga” ricordiamo ovviamente anche i bilancieri, i manubri, e le cavigliere e polsiere con pesi.

Utile, a seconda ovviamente degli esercizi che vorrete eseguiree, anche la panca, indicata sia per eseguire gli esercizi addominali, sia per eseguire alcuni esercizi con manubri e bilanciere. Per incrementare il vostro allenamento potreste infine acquistare uno step (ormai se ne trovano anche a prezzi molto abbordabili), ed una fascia elastica, per eseguire esercizi utili sia per le gambe che per le braccia.

Per concludere, come dicevamo, la primissima cosa che vi serve per fare sport in casa è la costanza, che purtroppo non può essere acquistata.

Come Coltivare il Geranio

Il geranio si trova quasi in ogni balcone, essendo una pianta facile da coltivare, e da curare. Offre fiori di svariato colore, e di svariate forme, considerato il fatto che ne esistono moltissime specie. Continuando nella lettura potrai sapere come prenderti cura di questa pianta nel modo migliore.

Se hai acquistato o ti hanno regalato una pianta di geranio ponila in balcone, in un vaso che non sia comunque troppo grande, o se hai un giardino in piena terra. Considera che è una pianta che ama il sole, per cui vanno bene temperature fino a 25°C, mentre non ama assolutamente il freddo, soffrendo parecchio quando queste scendono sotto i 15 gradi. Il vento non è assolutamente indicato, ma l’aerazione è praticamente indispensabile se vuoi mantenere in buono stato questa pianta.

Di tanto in tanto è bene che tu zappi leggermente la terra in vaso, con delicatezza per evitare di recidere le radici, in modo che la superficie non si indurisca, e che le radici della pianta non soffochino. Rimuovi le foglie ed i fiori che man mano si vanno seccando, tagliando gli stessi ad una distanza di circa un centimetro e mezzo dal gambo principale. Concima ogni 2 settimane durante la primavera e l’estate, ed una volta al mese durante il resto dell’anno. Chiedi, a questo scopo, al tuo vivaista di darti un concime (preferibilmente liquido) che contenga tanto i macroelementi (come il Potassio) che i microelementi (come il ferro).

Il geranio va naturalmente annaffiato tutto l’anno, ma devi effettuare delle piccole variazioni a seconda del periodo in cui ti trovi. Tra la primavera e l’estate annafia spesso, in modo che il terriccio sia sempre umido, ma mai zuppo. Durante l’autunno e l’inverno, invece, annaffia di tanto in tanto, lo stretto necessario per non far seccare il terreno, e quindi le radici. Ogni primavera rinvasa la pianta, ponendola in vasi non eccessivamente grandi, ed in un terriccio composto da torba e terra argillosa, scuotendo ogni volta la pianta delicatamente, in modo che le radici si liberino del vecchio composto.

Se desideri moltiplicare il geranio puoi utilizzare la talea. In estate, o meglio verso il finire della stessa, stacca le talea dalla pianta principale (di circa 9-10 cm). Interra questa talea in un composto formato per metà di torba e per metà di sabbia, fino alle prime foglie. Poni il vaso in penombra, a circa 18 gradi, e copri il tutto con della plastica. Per far questo usa 3 bastoncini (più alti della talea) che tengano la plastica sollevata, e lega la stessa al vaso con del filo. Quotidianamente inumidisci il terriccio. Tutto questo per circa un mese e mezzo. Quando saranno spuntate le radici, prendi la nuova piantina, ed effettua il rinvaso in un vaso con torba e terra argillosa.